L’adolescenza si configura come una fase della crescita eterogenea, caratterizzata da importanti cambiamenti e acquisizioni cognitive, affettive e socio-relazionali.

Tutto il ciclo di vita dell’individuo è costellato da compiti e sfide che devono essere affrontati e risolti nella maniera più funzionale e adattiva, allo scopo di favorire il giusto ed equilibrato inserimento dell’individuo nel proprio ambiente.

Se questo non avviene nei tempi e nei modi adeguati, lo sviluppo ed il benessere dell’individuo sono potenzialmente compromessi.

Il counseling, si configura a questo proposito, come un efficace strumento di prevenzione in adolescenza, in quanto è in grado di rilevare precocemente, sintomi di disagio o malessere psicologico e psicosociale.  Il counseling permette inoltre, l’incremento ed il perfezionamento nell’adolescente delle competenze socio-cognitive favorendo così lo sviluppo armonioso della personalità dell’individuo.

Il counseling si rivolge fondamentalmente a “persone sane” e, qualora durante gli incontri, si rilevasse un livello di disagio che si configura come patologia, sarà l’occasione per sollecitare la presa in carico da parte di uno psicoterapeuta del Centro.