img-digitopressioneRiflessologia plantare psicosomatica, digitopressione.

Il Metodo di Lucia Torri Cianci non è pura e semplice riflessologia ma l’attenzione tra mente corpo e anima; non è un semplice massaggio ma un metodo di lavoro unico nel suo genere.

L’operatore del metodo Cianci di riflessologia plantare impara ad ascoltare, interpretare tutto il corpo e non solo il piede; sa ascoltare i silenzi di una persona che attraverso un tessuto, un blocco energetico, uno squilibrio posturale, delle tensioni si trasformano in inestetismi, in dolori, in lacrime, in angosce.

Attraverso varie chiavi di lettura dalla fisiognomica alla riflessologia plantare, allo studio di tutto il corpo nella sua unicità, l’operatore, utilizzando le mani e il cuore, alleggerirà la tensione, il disagio e il dolore di quel corpo, di quell’anima.

È a cura del massaggiatore interpretare il disagio di quella persona che lo manifesta in quella zona del corpo e soprattutto in quel preciso momento, perché il corpo urla un disagio, un dolore ma forse vuol solo far “sentire” un ginocchio poco stabile, un “pancia” troppo tesa, una testa molto “piena”.

Ogni essere umano è unico e irripetibile, ma tutti dal più piccolo al più grande e saggio hanno bisogno di 5 diritti fondamentali, e quando questi diritti non li facciamo nostri ma li doniamo agli altri il corpo grida .

Il “grido” può essere un segno sulla pelle che ha sempre una causa ben precisa che l’ha generato, una disarmonia posturale, un’alterazione di un tessuto, un’unghia inspessita, che sono legati a tutti gli aspetti emotivi dalla fragilità umorale, all’apatia, al nervosismo. Si tratta semplicemente dei bisogni di quella persona che possono anche essere atavici, ma che sono il segnale che in quel corpo qualcosa sta cambiando, che nulla è statico e che quel corpo ha bisogno di trasformarsi, che è sempre alla ricerca della propria e unica armonia.

Spesso sentiamo dire che il torcicollo è venuto per il cuscino troppo rigido o troppo molle;

il mal di golaperché si parla troppo,

i capillari sono legati allo stare troppo in piedi;

la pelle secca è perché si beve poco;

il mal di schiena perché si guida troppo a lungo la macchina;

le mestruazioni sono dolorose per forza;

il pannicolo adiposo è una protezione, sia ma da cosa?

le otiti del bambino capitano a tutti prima o poi;

i bambini hanno spesso e sovente raffreddori e tossi, sono troppo agitati, inappetenti

sono tutte frasi che sentiamo dire e che forse ora ci stanno strette, forse ora è giunto il momento di andare oltre….

Il metodo, con una chiave di lettura specifica per ogni persona, restituisce un’informazione diversa alle persone che vi si sottopongono. L’operatore sa intercettare il lamento del corpo, ascolta quel dolore, ascolta quella persona nella sua unicità, e rivela che forse il raffreddore è un modo che il nostro corpo ha per chiederci di guardarci dentro, per scoprire le vere cause di un “banale” malanno. La mano sapiente e preparata del massaggiatore, utilizzando la tecnica più appropriata, può far tornare l’istinto di urlare, la necessità di chiedere aiuto, il bisogno di piangere, la voglia di parlare e anche la voglia di cambiare una vita piena o vuota, fatta di sentimenti ed emozioni che se non vissuti nel modo più “giusto” possono trasformarsi in inestetismi, in somatizzazioni e disturbi.

LA DIGITOPRESSIONE

È un’antica tecnica della medicina cinese che si esegue tramite la pressione delle dita sui punti del corpo corrispondenti a ciascun organo (come avviene nell’agopuntura).
Ha lo scopo di riequilibrare l’energia vitale dell’organismo e favorire l’eliminazione di disturbi psicofisici.
Non è una terapia medica, ma una tecnica personale che permette di trattare i disturbi e le varie indisposizioni senza dover ricorrere ad assunzione di farmaci.
Grazie alla digitopressione si possono risolvere, in modo facile e indolore, tanti piccoli problemi quotidiani di adulti e bambini. Questa tecnica porta numerosi benefici sullo stato di benessere generale, favorisce e stimola le difese dell’organismo.

È molto utile nel trattamento di varie manifestazioni dolorose, come mal di testa e stanchezza oculare, dolori articolari, lievi disturbi digestivi; migliora la circolazione del sangue e della linfa e le funzioni respiratorie.
La digitopressione è efficace anche per combattere l’affaticamento e l’intorpidimento conseguenti a lunghi viaggi o periodi di intenso lavoro.

Può essere praticata da tutti a scopo rilassante, preventivo o coadiuvante di qualsiasi terapia.